Isola d’Elba, un luogo da visitare

L’isola d’Elba è l’isola più grande dell’arcipelago toscano e la terza più grande d’Italia, nonché una delle mete più gettonate dagli italiani e dai turisti stranieri (soprattutto in estate). Offre tantissime attrazioni tra mare, antichi borghi e la buona cucina ed è inoltre adatta per turisti di qualsiasi età, complice anche una vita notturna tutto sommato niente male. E’ facilmente raggiungibile per mezzo di traghetti o navi e spesso si possono trovare offerte di tour dell’Isola d’Elba in moto, per chi magari è interessato ad una scoperta dell’isola all’insegna dell’avventura.

Portoferraio

Portoferraio è il primo comune in cui si arriva appena sbarcati sull’isola, è il comune con il maggior numero di abitanti ed è famoso per essere stato un centro minerario, che ha fatto la fortuna dell’isola. Qui sono da visitare certamente le due residenze di Napoleone Bonaparte: Villa dei Mulini e Villa san Martino, sua residenza estiva. Da evidenziare è poi la spiaggia di “La Biodola”, una delle più attrezzate e belle dell’isola, che offre la possibilità di praticare snorkeling e di fare immersioni subacquee.

Borgo di Marciana Alta e Porto Azzurro

Marciana è il paese più antico dell’isola ed ha tutte le caratteristiche del piccolo borgo medievale: stradine lastricate, vicoli stretti, piccole casette e graziose piazze con tanto di fontane e fiori. Di interessante figurano la fortezza Pisana e il museo archeologico, dove si possono ammirare reperti dell’età etrusca. Un luogo perfetto per chi adora visitare le piccole realtà dei borghi medievali. Porto Azzurro è, invece, un piccolo borgo di pescatori, luogo dove si concentra un buon numero di turisti grazie alla presenza di numerosi eventi culturali ed enogastronomici. Da segnalare piazza Matteotti, da molti considerata la più bella piazza dell’isola, complici le fontane con i loro incantevoli giochi d’acqua.

Spiagge e mare

Essendo un’isola, il punto forte non può che essere il mare, coadiuvato da un grande numero di spiagge (circa 150). Una è stata già citata a proposito di Portoferraio: la spiaggia di “La Biodola”. La spiaggia più famosa dell’isola d’Elba è la spiaggia di Fetovaia, di cui parlava D’Annunzio ne “Le faville del maglio”, spiaggia di sabbia bianca circondata dalla natura, si estende per circa duecento metri. Per gli amanti delle lunghe passeggiate c’è la spiaggia di Cavoli, una distesa di oltre un chilometro di sabbia fine caratterizzata da un fondale marino piuttosto basso, adatto quindi per le famiglie. Per chi adora, invece, i fondali rocciosi, c’è come punto di riferimento la spiaggia di Capo Bianco, a Portoferraio.

Cucina tipica

La cucina offerta nell’isola d’Elba è fondamentalmente un misto tra piatti a base di pesce, tipici delle isole, e la cucina di tradizione toscana. Il piatto tipico più famoso è lo stoccafisso alla riese. Trattasi di stoccafisso cucinato con cipolle, pomodoro, vino bianco, patate, olive ed olio, con qualche variazione ogni tanto. A completare i piatti di pesce sono da menzionare il cacciucco e il polpo lesso. È possibile ovviamente degustare anche della carne, soprattutto da cacciagione. L’isola vanta anche un dolce tradizionale e abbastanza conosciuto, chiamato “schiaccia briaca”, con uva passa e pinoli bagnati nel vino Aleatico.

L’articolo Isola d’Elba, un luogo da visitare proviene da Motore Italiano.