A causa dell’epidemia di Covid19, e la relativa riduzione delle attività fuori di casa, lo Stato è intervenuto prevedendo la proroga alla scadenza di documenti, assicurazioni e pagamenti. Tra questi ultimi c’è naturalmente il Bollo Auto, una delle tasse più odiate dagli italiani (dopo quella del canone Tv, che ormai paghiamo nella bolletta energetica).

Il Bollo è una tassa regionale, per cui non tutte le Regioni si sono allineate.

Solo i residenti di Abruzzo, Basilicata, Liguria, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino-Alto Adige, Umbria e Valle d’Aosta, dovranno pagare il bollo normalmente.

In tutte altre regioni il pagamento è stato prorogato in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020, senza l’applicazione di sanzioni ed interessi, (salvo ulteriori proroghe legate allo sviluppo dell’emergenza Covid19).

Solo la Regione Marche, ha fissato il termine ultimo per pagare al 31 luglio 2020.

La sospensione del bollo auto per l’emergenza Covid si applica soltanto alle tasse automobilistiche in scadenza nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020, e purtroppo non tengono conto chi già ha il bollo scaduto e deve effettuare il pagamento.

Auspichiamo in per questi casi il congelamento della sanzione per tutta la durata dell’emergenza, specialmente alla luce del fatto che uscire di casa per pagare costituisce un fattore di rischio, per chi non riesce ad effettuare il rinnovo on-line.

A quanto pare il vecchio detto che solo alla morte e alle tasse non si sfugge, per il momento ha l’eccezione che stando a casa si può rimandare sia l’una che l’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *